Vai ai contenuti

Menu principale:

Vivenze

Alcune vivenze di fratelli e sorelle riguardanti la loro vita, alla scoperta del Signore nelle azioni quotidiane.

Qualche  anno fa mia suocera si ammalò di leucemia e nei suoi frequenti ricoveri all’ospedale ebbe come compagna di camera una signora che veniva dalla Sicilia.
Nei primi giorni questa nuova ospite era sempre silenziosa e piangeva per qualunque domanda. Con il passare del tempo  e con l’aiuto di mia suocera venimmo a sapere che doveva essere operata alla testa.
Con molta discrezione l’invitai all’Adorazione Eucaristica che si teneva nella cappella dell’ospedale tutti i giovedì pomeriggio. "Non credo più a niente dopo questa batosta" fu la sua risposta:
Andai da sola in chiesa e pregai il Signore perché l’aiutasse per il suo intervento e a ritrovare la fiducia in Lui. Con mio grande sorpresa, il giovedì successivo la vedo arrivare in Chiesa e si offre di fare una lettura.
All’uscita, mentre ritornavamo in camere mi ringraziò tanto per averle parlato di questa funzione e del benessere che aveva portato alla sua anima.
L’intervento andò bene e dopo diverse settimane riuscì a tornare a casa dalla sua famiglia; nel salutarci con le lacrime agli occhi ci demmo appuntamento nella cappella dell’ospedale, quando sarebbe ritornata per i controlli.
Anonimo


Il posto di lavoro è di solito quello in cui più di altri ci si presenta diversi da quello che si è.

A me è capitato di non avere alcun rapporto di simpatia con una collega la quale peraltro si impegnava proprio per essere sgradevole: molto brava, non c’è che dire, ma ruvida, caustica, sempre polemica, sempre pronta a rendere difficile il lavoro di squadra, per niente collaborativa. E quindi mi limitavo al minimo della collaborazione ed evitavo qualsiasi contatto non necessario allo svolgimento del lavoro.
Un giorno ci ha informato, sempre comunque con la sua solita ruvidezza, del grave stato di salute del padre, all’improvviso ricoverato in ospedale per un imprevisto aggravamento delle sue condizioni: nessun collega ha chiesto chiarimenti né  fatto domande, nessuno era veramente interessato e nemmeno dispiaciuto.
Tanto era stata tanto capace in passato di allontanare da sé le persone che ora non trovava nessuno con cui condividere la sua preoccupazione.

Mi ha suscitato compassione: era sola in un momento difficile.

Ho dovuto forzarmi, ma in quella situazione  non potevo rinunciare alla mia testimonianza cristiana: ho trovato le parole per vincere la assenza di confidenza tra noi e le ho detto: "Stai serena, ti sarò vicina con una preghiera per tuo padre".
Questo è bastato perché le si rasserenasse il volto e mi ringraziasse.
Da allora ci guardiamo con occhi diversi.

Anonimo

Io e mio marito abbiamo sempre svolto insieme, diverse attività come animatori o catechisti in parrocchia, compresi i corsi prematrimoniali.
E’ in occasione di quest’ultimi che abbiamo conosciuto diverse coppie di fidanzati con le quali siamo diventati anche amici, ma in particolare con una coppia con i quali siamo diventati veramente amici.
Da 9 anni stavano insieme, come eterni fidanzati, stavano bene così, perché andarsi a complicare la vita specialmente dopo la separazione dei genitori di uno dei due.
Fatto sta, che una scusa tira l’altra, siamo diventati amici, uscendo talvolta a mangiare la pizza, in compagnia di altre coppie sposate, fino a che si sono posti seriamente il pensiero, che in fondo ci sono sono anche altri valori più profondi che vanno oltre la passione, gli affetti e i sentimenti, hanno visto in noi che a loro mancava qualcosa che però non poteva venire da loro.
Hanno scoperto un’altra dimensione della loro relazione che non escludeva le altre, ma andava oltre, includeva anche la sfera spirituale. Così si sono decisi per il matrimonio e quale sorpresa più grande, al ragazzo mancava oltre la Cresima, anche la prima Comunione.
Ricordo ancora il giorno del loro matrimonio, la commozione di lui, in così breve cammino si stava formando la sua famiglia e nello stesso tempo ha incontrato un fratello maggiore, Gesù, in un’altra famiglia più grande, la Chiesa.

Anonimo



Torna ai contenuti | Torna al menu